Un ruolo centrale nella filiera elettrica

ARAME, nata a Roma nel 1979, è  l’associazione di categoria degli Agenti e dei Rappresentanti di Materiale Elettrico. Siamo l’anello di congiunzione tra i principali attori della filiera elettrica.

La nostra mission è dare voce alle istanze dei nostri Associati nel dialogo con Produttori e Distributori, promuovendo attività e iniziative specifiche.

 

Diventa associato ARAME

  • Per far parte della più importante e rappresentativa associazione di categoria.
  • Per dare voce e affrontare i problemi delle singole aziende secondo i principi fondamentali di solidarietà, trasparenza e democrazia.
  • Per uscire dall’ isolamento e vivere un’idea di comunità diversa, intesa non come affare di pochi ma esercizio della collettività.
  • Per organizzare e partecipare a eventi e incontri con università, enti e partner del settore di competenza.
  • Per favorire lo scambio di informazioni e di esperienze tra le agenzie e incentivare tutte le iniziative dell’ associazione.

I nostri obiettivi

  • Rimuovere l’immobilismo presente nella nostra realtà socio-economica;
  • Formulare richieste collettive per migliorare il panorama delle agenzie e rendere più vantaggiosi gli acquisti di beni e servizi di interesse comune;
  • Organizzare incontri diretti con i componenti del Legislativo, dell’Esecutivo e delle Autorità indipendenti;
  • Supportare la crescita aziendale con campagne mediatiche, organizzazione di eventi e fornendo consulenza di esperti
   

Imprenditorialità

Una vocazione naturale

Migliaia, milioni di individui lavorano, producono e risparmiano nonostante tutto quello che noi possiamo inventare per molestarli, incepparli, scoraggiarli. E’ la vocazione naturale che li spinge: non soltanto la sete di denaro.
Il gusto, l’orgoglio di vedere la propria azienda prosperare, acquistare credito, ispirare fiducia a clientele sempre più vaste, ampliare gli impianti, abbellire le sedi, costituiscono una molla di progresso altrettanto potente che il guadagno.
Se così non fosse, non si spiegherebbe come ci siano imprenditori che nella propria azienda prodigano tutte le loro energie e investono tutti i loro capitali per ritrarre spesso utili di gran lunga più modesti di quelli che potrebbero sicuramente e comodamente ottenere con altri impieghi.

Luigi Einaudi – “Lo scrittoio del Presidente”, 1956